fineworld.info

ACIDI/viola

Pubblicato in Recensioni

NOT (Noise Of Trouble) – Distopìa (2012)

Per distopìa si intende una società indesiderabile sotto tutti i punti di vista. Un pò come l’Italia degli ultimi dieci (facciamo dodici) anni. Un pò come l’Italia di cui ci parlano i Noise Of Trouble, un trio romano che, già da titoli come “testa fracassata“, “Genova“, “diaz” e “tortura“, ci fa capire tante cose.

Si parla e si ragiona sui fatti del G8 di Genova di quel lontano (ma nemmeno tanto distante) duemilauno, e si suona del buon jazzcore. Del jazzcore che in più punti arriva a ricordare i Neo, gliZu e che, per la presenza dei fiati, porta alla mente addirittura iMombu (come accade in testa fracassata, per esempio). Ma si scivola anche nella nowave, a camminare tra i rumorismi del basso e della batteria, e tra le rovine di una batteria distrutta (distopia #3 e – più avanti – diaz, fatta di rumorismo quasi solo per fiati).
Che poi si, è jazzcore, ma i fiati riescono ad essere tanto jazz quanto gypsy (succede in Genova e legittima difesa). Mentre basso e batteria riescono ad essere anche punk. Esiste il jazz-punk? Non lo so, però ascoltate Alimonda e Placanica, e poi ditemi se la definizione non ci sta in pieno. Oppure tortura, dove Mombu e NoMeansNo si divertono nella stessa sala prove. Per non parlare, poi, di quando scivolano nel funk: prendete ode agli insofferenti che con la sua andatura sbilenca porta in scena l’ala più funk del jazzcore italiano (gli Squartet per esempio, ma non solo).
Si, è jazzcore. E un pezzo come distopia #2 farebbe impazzire gli appassionati del genere. E se poi vi piace sia il jazzcore che il punk, siete a cavallo: perchè la combo finale tortura/assassin (spezzata dal reading di Simone Cristicchi) vi renderà felici, donandovi quasi sei minuti di jazz-punk in pieno stile.

Non è un disco da sottovalutare, anzi. È un disco che conserva al suo interno la poesia delle parole dedicate ad un ragazzo, della denuncia e, allo stesso tempo, la poesia del rumore nato dagli strumenti di un buon trio.

Etichetta: Brigadisco.
SITO UFFICIALE
FACEBOOK
BANDCAMP

Stampa